Centro D.C.A.

La Residenza Riabilitativa "Palazzo Francisci" interamente dedicata al trattamento intensivo dei Disturbi del Comportamento Alimentare (D.C.A.) è stata fondata nel maggio 2003 ed è la prima struttura pubblica italiana interamente dedicata a tale trattamento intensivo: anoressia, bulimia, disturbo dell'alimentazione non altrimenti specificato e disturbo da alimentazione incontrollata. Nasce da una convenzione tra l'ASL 2 e l'ETAB che ha dato origine nell'anno 2003 al servizio residenziale di "Palazzo Francisci" che era stata preceduta da una fase sperimentale di semiresidenzialità.

La residenzialità diventa determinante dove sia insufficiente o inefficace il trattamento ambulatoriale, se le condizioni familiari non sono adeguate alla gestione della paziente a casa o quando il rapporto costi-benefici di altri trattamenti risulti insoddisfacente.

Detto centro, collocato all'interno dell'antico Palazzo Francisci al centro di Todi, prevede un'equipe di personale specializzato psicologi, pediatri, nutrizionisti, psichiatri, fisioterapisti, infermieri e dietisti) che svolge un programma integrato ed affronta in maniera intensiva la patologia.

La struttura accoglie 10 pazienti in regime di residenza (8 stanze per degenze singole e 1 stanza per degenza doppia) e 5 in regime di semiresidenza. La struttura costituisce inoltre un'efficace alternativa alla degenza ospedaliera acuta o un 'alternativa al ricovero stesso che, soprattutto per ragazze molto giovani, può determinare gravi effetti collaterali. "Palazzo Francisci" è uno spazio di cura extraospedaliero dove ragazze, a volte bambine, possono vivere un'esperienza di terapia intensiva accompagnata da un'esperienza di vita accogliente e ricca. La durata della degenza varia dai 3 ai 5 mesi ed è tale da consentire un recupero ponderale e la costruzione di una consapevolezza della patologia che possa essere accettata dalla paziente. Il conseguimento di un peso vicino al normale riduce in modo significativo il numero di ricadute. Dalla sua fondazione ad oggi, il servizioha visto non solo un cospicuo incremento del numero di pazienti provenienti da tutta Italia, ma anche un crescente afflusso di personale in formazione e ciò grazie alla maturata esperienza nel campo e alla volontà di sviluppare nuovi metodi e criteri di erogazione del servizio stesso.

Nell'anno 2006 è stata fondata dai familiari dei pazienti l'Associazione "Mi fido di te" con lo scopo di creare un'alleanza terapeutica e di intenti che unisca gli esperti del settore ai pazienti e ai loro familiari.

L'ETAB nel 2008 ha messo a disposizione una nuova sede per l'Associazione presso San Fortunato. La struttura gestita dall'Associazione e con la supervisione scientifica del Centro per i Disturbi del Comportamento Alimentare, rappresenta una risposta molto concreta a una domanda di ospitalità per i pazienti e per le loro famiglie e costituisce un punto di riferimento per quanti intraprendono il delicato viaggio verso la guarigione. Si è scelto di chiamarla "La Casa di Pandora" in ricordo della leggenda mitica del vaso di Pandora. Infatti come il mito ricorda, Pandora è la Dea a cui fu affidato un vaso contenente tutti i mali del mondo; aprendolo sconsideratamente, tutti i mali si riservarono sull'umanità. Soltanto la speranza, che era in fondo, non potè scappare, poichè Pandora aveva chiuso prima il coperchio. In tal modo, agli uomini afflitti da tanti mali non rimase che la Speranza. E la speranza è quella di far intraprendere alle pazienti del Centro per i Disturbi del Comportamento Alimentare ed ai loro familiari un cammino di consapevolezza e crescita all'insegna di una rinnovata fiducia.